Vuoi rinnovare la cessione del quinto? Ecco come fare

0

Se hai già richiesto la cessione del quinto ma hai la necessità di avere una nuova liquidità, la soluzione migliore in questi casi è quella di ricorrere al rinnovo della cessione. Vuoi rinnovare la cessione del quinto? Ecco come fare seguendo anche questa risorsa per scoprire come poter rinnovare la cessione del quinto.

Cos’è il rinnovo della cessione del quinto

Si tratta di un’operazione che va ad estinguere in anticipo la cessione del quinto esistente. In pratica viene richiesto un nuovo prestito che va a saldare il rimanente della cessione del quinto in corso dandovi la possibilità di avere nuova liquidità.

Chi ha diritto a rinnovare la cessione del quinto

Può essere richiesto da tutti coloro che hanno in corso un prestito con cessione del quinto. Ne hanno quindi diritto i dipendenti privati e pubblici, i pensionati e gli statali.

Ci sono però dei limiti legati all’età e al passaggio dal lavoro alla pensione, infatti non possono richiedere il rinnovo della cessione del quinto tutti coloro che hanno superato gli 80 anni e chi sta per andare in pensione. Bisognerà infatti attendere di essere in pensione per poter richiedere il rinnovo della cessione del quinto.

Quanto tempo deve passare prima di poter richiedere il rinnovo della cessione del quinto

La normativa prevede che se vuoi rinnovare la cessione del quinto devono essere trascorsi due quinti del finanziamento totale che corrispondono al 40%. Questa regola viene utilizzata senza alcun tipo di deroga per tutti i finanziamenti di minimo 60 rate, fino ad un massimo di 120 rate, cioè da minimo 5 anni ad un massimo di 10.

Per fare un esempio pratico, possiamo dire che se la cessione del quinto ha una durata di 120 rate, per poter chiedere il rinnovo si deve aspettare 4 anni e aver rimborsato 48 mensilità.

Ci sono comunque delle eccezioni che consentono di poter richiedere il rinnovo della cessione del quinto prima di aver versato almeno il 40% a patto che si rientri in alcuni parametri di legge ben precisi.

Deroghe riguardanti i finanziamenti fino a 60 rate

Nel caso in cui il prestito iniziale vada dai 2 ai 5 anni di durata a partire dalla data del rilascio, si può chiedere in ogni momento il rinnovo della cessione del quinto anche se non è ancora stato rimborsato il 40% se:

  • il rinnovo del finanziamento con cessione del quinto deve avere la durata massima ossia 120 rate;
  • il finanziamento di 10 anni deve essere il primo che l’utente richiede.

Quali vantaggi offre il rinnovo della cessione del quinto

I vantaggi del rinnovo della cessione del quinto sono essenzialmente due.

  • Avere tassi d’interesse più bassi rispetto al prestito esistente. Dipende principalmente dal periodo di stipulazione del contratto e dall’andamento del tasso di interesse di quel preciso momento. Dal 2015 i tassi di interessi sono notevolmente calati e si sono assestati a dei minimi storici, di conseguenza se il rinnovo avviene su cessioni del quinto precedenti a questa data, il cliente potrà sicuramente beneficiare di tassi di interesse più vantaggiosi.
  • Avere a disposizione nuova liquidità in modo da riuscire ad evitare di aumentare i debiti fatti e l’accumulo di rate da pagare. Il rinnovo della cessione del quinto infatti non si va a sommare al primo, che viene liquidato e rinegoziato, ma viene sostituita dalla nuova mensilità che solitamente resta quasi invariata alla prima.

Rinnovo della cessione del quinto in busta paga

Se hai necessità di avere una liquidità supplementare, è bene ricordare che per tutti coloro che hanno un lavoro, questa volta i pensionati sono esclusi, la legge prevede un’altra soluzione che permette di avere facilmente l’accesso al finanziamento. Si tratta della delegazione di pagamento.

Questa particolare formula di mutuo può essere accorpata alla cessione del quinto già esistente: in questo modo si arriva a corrispondere i due quinti dello stipendio, cioè il famoso 40%, ottenendo il massimo del finanziamento. Il lavoratore avrà a questo punto due trattenute in busta paga, le due rate avranno un importo massimo del 20% cadauna dello stipendio al netto. Per questo motivo a volte si sente parlare di cessione del “doppio” quinto.

La delegazione di pagamento quindi, se viene accordata dal proprio datore di lavoro può rappresentare una valida alternativa al rinnovo della cessione del quinto.

Calcolo della cifra erogabile con il rinnovo della cessione del quinto

Se vuoi rinnovare la cessione del quinto per avere liquidità immediata per risolvere i problemi di debiti, puoi richiedere un preventivo dove ti sarà indicata la cifra netta massima erogabile.

Per richiedere il preventivo, disponibile gratuitamente anche online, avrai bisogno di presentare una richiesta allegando la seguente documentazione:

  • Busta paga; possibilmente l’ultima. Questa servirà per poter calcolare l’importo massimo erogabile in base all’ultimo stipendio netto percepito e poter fare un preventivo personalizzato.
  • Documento d’identità; è necessario al fine di poter controllare l’autenticità dei dati una scansione della carta d’identità o del passaporto.
  • Codice fiscale; assicurati di effettuare la scansione anche del codice fiscale.
  • Certificato unico Dipendente; per poter effettuare un preventivo personalizzato è necessario presentare l’ultimo CUD ricevuto relativo al precedente anno.

Quando avrai a disposizione tutta la documentazione necessaria potrai richiedere il preventivo e sapere qual è la cifra massima erogabile per il rinnovo della cessione del quinto a cui hai diritto.

Articoli correlati Altri di autore

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.