La Rivista Del Manifesto
Nero Su Bianco

Un chilo di cocaina in auto, arrestato un consigliere comunale

Fermato dalla Polizia nel Sud Sardegna anche con 45mila euro

I poliziotti della Squadra mobile hanno ispezionato anche la sua abitazione ad Anela, ma non hanno trovato nulla. Adesso gli investigatori stanno cercando di capire da chi e dove è stata comparata la cocaina.

Ma non solo. Vista la quantità di denaro sequestrata non si può escludere che servisse per comprare altro stupefacente. L’attenzione è concentrata anche sulla destinazione finale della droga. Una persona fino a ieri insospettabile: Vannini viveva da solo ad Anela, lavorava saltuariamente come allevatore ed era impegnato con le attività in Comune. Era stato scelto dall’attuale sindaco, Antonio Damiano Mulas, per la lista Unidos pro Anela che ha portato alla sua elezione nel 2017. Nei due anni precedenti l’amministrazione era stata guidata da un commissario perché alle elezioni del 2015 nessuno si era candidato. Il primo cittadino, contattato telefonicamente dall’ANSA, non ha voluto commentare in alcun modo l’arresto del consigliere. L’arresto del consigliere comunale, eletto nel 2017 nella lista Unidos pro Anela, è scattato nel tardo pomeriggio di ieri. Gli agenti della Polstrada erano impegnati sulla statale 387, nelle vicinanze di Serdiana, nel sud Sardegna, per un servizio mirato a evitare eventuali blocchi alla circolazione o rallentamenti da parte di camionisti o automobilisti coinvolti in un flash mob contro il Green pass. Durante i controlli, gli agenti hanno notato l’Alfa 159 condotta da Vannini sorpassare a tutta velocità un trattore. Lo hanno fermato e controllato. Il 40enne ha cercato di giustificarsi, ma le sue risposte, e soprattutto la sua agitazione, non hanno convito i poliziotti tanto che, con l’aiuto degli agenti della Squadra mobile della questura di Cagliari, hanno deciso di perquisire l’auto. Sotto il cruscotto sono stati trovati gli involucri che contenevano la droga e il denaro contante. Non erano nascosti in maniera ‘professionale’: il 40enne forse era sicuro che nessuno lo avrebbe mai perquisito e proprio per questa ragione aveva occultato droga e soldi in modo grossolano. I poliziotti della Squadra mobile hanno ispezionato anche la sua abitazione ad Anela, ma non hanno trovato nulla. Adesso gli investigatori stanno cercando di capire da chi e dove è stata comparata la cocaina. Ma non solo. Vista la quantità di denaro sequestrata non si può escludere che servisse per comprare altro stupefacente. L’attenzione è concentrata anche sulla destinazione finale della droga. Una persona fino a ieri insospettabile: Vannini viveva da solo ad Anela, lavorava saltuariamente come allevatore ed era impegnato con le attività in Comune. Era stato scelto dall’attuale sindaco, Antonio Damiano Mulas, per la lista Unidos pro Anela che ha portato alla sua elezione nel 2017. Nei due anni precedenti l’amministrazione era stata guidata da un commissario perché alle elezioni del 2015 nessuno si era candidato. Il primo cittadino non ha voluto commentare l’arresto del consigliere.