La Rivista Del Manifesto
Nero Su Bianco

Nuova Audi A4: tecnologia a migliori livelli

L’Audi A4 di quinta generazione in versione berlina ed Avant introduce novità a livello di efficienza e tecnologia.

Poche le novità estetiche e le dimensioni crescono leggermente. 

Arriva la quinta generazione di Audi A4, una vettura leggermente rinnovata nel design e nelle dimensioni ma che introduce come principali novità miglioramenti tecnologici e di efficienza. Presentata sia in versione berlina che Avant, la nuova Audi A4 è destinata ad essere presentata ufficialmente in autunno, con ogni probabilità in occasione del Salone di Francoforte 2015. Se esteticamente le differenze con il modello attualmente in vendita non sono moltissime, internamente le innovazioni sono numerose: i 120 kg di peso in meno, le dimensioni aumentate, motori di nuova generazione, trazione anteriore o integrale a scelta, fari LED e quadro strumenti configurabile sono solo alcune degli aspetti più interessanti.

Come dicevamo, la Audi A4 di quinta generazione è cresciuta nelle dimensioni, con la berlina e la Avant che arrivano a misurare 4,73 metri in lunghezza (il passo è di 2,82 metri). Questo a tutto vantaggio dell’abitabilità, della capacità di carico e dell’aspetto, ora ancor più imponente ed elegante. Le linee sono più taglienti, in stile Audi TT per intenderci, con i fari LED affilati e la griglia anteriore Singleframe che contribuiscono a dare un’idea di grinta e di movimento. La nuova A4 Avant ha per la prima volta il portellone posteriore ad apertura automatica di serie, attivabile con il movimento del piede (disponibile come optional) e una volumetria di carico del bagagliaio che va da 505 a 1.510 litri. All’interno della nuova A4 domina l’Audi Virtual Cockpit, un’opzione che sostituisce la strumentazione tradizionale con uno schermo LCD da 12,3″ che può mostrare informazioni di vario tipo compresa la mappa del navigatore.

Ampia la gamma motori, che al momento del lancio sul mercato tedesco vanta 7 propulsori, tre benzina TFSI e quattro Diesel TDI. L’entry level è il 1.4 TFSI da 150 CV che spinge entrambe le versioni a 210 km/h con uno scatto 0-100 in 8,9 secondi ed un consumo di 4,9 l/100 km (con cambio S tronic 7 marce). La nuova A4 2.0 TFSI è invece realizzata con due livelli di potenza, 190 e 252 CV; la più potente delle due passa da 0 a 100 in 5,8 secondi e tocca i 250 km/h consumando in media 5,7 l/100 km. Torna il 2.0 TDI, offerto con 150 o 190 CV; in abbinamento al cambio S tronic il primo permette un’accelerazione 0-100 in 8,7 secondi e 219 km/h con un consumo di 4,0 l/100 km (3,8 l/100 km con il cambio manuale 6 marce), mentre il 190 CV sfodera 237 km/h, 7,7 secondi da 0 a 100 e 4,2 l/100 km. L’Audi A4 2.0 TDI sarà anche disponibile in versione ad alta efficienza “ultra” che riduce i consumi della berlina a 3,7 l/100 km e quelli della Avant a 3,8 l/100 km. C’è poi il sei cilindri 3.0 TDI clean diesel da 218 e 272 CV; una versione particolarmente grintosa in grado di arrivare a 250 km/h, consumare 4,9 l/100 km e passare da 0 a 100 km/h in appena 5,3 secondi. L’altro cambio disponibile sulle versioni top di gamma è l’automatico tiptronic a 8 marce. Inedita la versione a metano della A4 g-tron, in vendita a fine 2016 con il 2.0 TFSI da 170 CV. Tutte le nuove A4 hanno le sospensioni a cinque bracci ridisegnate e servosterzo elettromeccanico.

Tra i sistemi tecnologici più interessanti ci preme segnalare l’infotainment MMI Plus con schermo da 8,3″, la ricarica wireless del cellulare, l’Head-Up Display, la connessione internet LTE e l’impianto audio che può essere scelto tra quelli disponibili (c’è anche il Bang & Olufsen Sound System con suono 3D).