Forex: qualche consiglio per i trader alle prime armi

0

Il mercato Forex è quello in cui ogni giorno, nel mondo, si investe il maggior numero di soldi, con scambi di cifre veramente impressionanti. Oggi anche il piccolo investitore può prendere parte a questo mercato, effettuando trading in rete sui broker che consentono di fare operazioni sul Forex. Si tratta del mercato che tratta le valute di ogni singolo Paese e permette di guadagnare sulle variazioni dei cambi tra coppie di valute, come ad esempio euro/dollaro o euro/sterlina.

Come cominciare a fare Forex?

Per iniziare a operare nel mercato Forex è necessario trovare un buon broker; il modo migliore per conoscere l’offerta del mercato consiste nel leggere i siti che si occupano di recensire e commentare i diversi broker presenti sul web. Di questi siti che ne sono tanti, cosa che ci permette di farci un’idea precisa su quali siano i miglior broker, senza neppure guardarne le pubblicità o visualizzare le loro home page. Per fare un esempio per quanto riguarda avatrade opinioni se ne trovano molteplici, alcune delle quali da parte di altri trader che già utilizzano questa piattaforma per le loro speculazioni.

I conti demo del trading

Dopo aver selezionato almeno un paio di buoni broker  si può verificare la loro piattaforma di trading utilizzando dei conti demo. Stiamo parlando di conti dimostrativi, che ci danno accesso al mercato Forex, ci permettono di fare speculazioni in tempo reale, ma sfruttando però dei soldi virtuali, messi a disposizione del broker stesso. Si tratta in molti casi di cifre ragguardevoli, che permettono di testare tutte le funzionalità della piattaforma di trading, ma anche di verificare le proprie abilità nel fare affari. Grazie ai conti demo è possibile capire chiaramente quali sono le lacune che ancora abbiamo, per poi cercare di colmarle attraverso corsi o tutorial.

Quanto si spende con il Forex?

Chi fa trading in modo “classico” in genere ha a disposizione capitali abbastanza ragguardevoli. Questo avviene anche nel Forex: per guadagnare direttamente dall’acquisto e dalla compravendita di sterline, giusto per fare un esempio, è importante acquistarne varie migliaia.

Per il piccolo investitore questo tipo di trading è proibitivo, perché con cifre minime si ha anche un guadagno minimo, e inoltre spesso è necessario lasciare il capitale immobile per alcune settimane, o anche mesi. Con il trading nel Forex invece si specula sull’andamento del cambio tra due valute nel corso di alcuni minuti, raramente più di alcune decine.

Volendo si possono selezionare anche affari che coprono tempi più lunghi, ma in genere un trader evita affari di durata superiore al giorno, in alcuni casi limite alla settimana. In questo modo se un affare va a buon fine il nostro ricavo sarà disponibile dopo pochissimi minuti. Inoltre molti broker permettono anche di fare affari con minime quantità di soldi, anche meno di 10-20 euro per ogni singola speculazione.

Il guadagno sarà commisurato a quanto investito, ma visto che ogni affare si chiude in pochi minuti, si lavora sulla quantità, in modo da ottenere, a  fine giornata, un ricavo comunque ragguardevole. Molti broker inoltre consentono di sfruttare la leva finanziaria, per ottenere guadagni maggiori.

Articoli correlati Altri di autore

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.