La Rivista Del Manifesto
Nero Su Bianco

Forex qualche consiglio per i trader alle prime armi

Chi è inesperto può commettere degli errori molto rischiosi e grossolani in un mercato aperto tutto il giorno e molto liquido come quello del Forex. Soltanto considerando il controvalore di scambio dei dollari l’ammontare del Forex supera i 5 miliardi ogni giorno e queste cifre sono un’occasione ghiottissima per chi è alla ricerca di profitto. Ma attenzione, non bisogna buttarsi in questo settore alla cieca perchè si rischierebbe davvero tanto. Ecco allora dieci suggerimenti per il trading sia di carattere tecnico che psicologico, fondamentali per riuscire a ottenere dei guadagni facendo forex trading.

    1. Non avere fretta: come si suol dire “la fretta è una cattiva consigliera”. L’investitore infatti deve prendersi il giusto tempo per capire realmente quali siano le dinamiche del mercato. Ancor di più  perchè si tratta di un investimento valutario che per sua natura è molto speculativo, e quindi molto rischioso. Quando ci si sta per addentrare in questo mondo può essere molto utile utilizzare inizialmente i conti demo perchè sono virtuali e non bisogna impegnare del vero capitale.
    2. Osservare il mercato: per ottenere i profitti sperati, che ovviamente dipendono dalle scelte che un trader prende, è necessario saper osservare i movimenti dei prezzi oltre a padroneggiare i grafici di riferimento e le candelstick.
    3. Si sbaglia e si impara: nessun trader al mondo è immune dagli errori. Ma è fondamentale saper imparare dagli errori che si commettono. Ciò si può fare analizzando quelle operazioni che purtroppo non sono andate a buon fine.
    4. L’emotività è nemica del trader:  è importante concentrarsi sulla performance e non sul denaro per non permettere all’emotività di dominare la ragione. Soprattutto poi è necessario saper affrontare ed accettare le sconfitte, sennò mi dispiace dirlo ma il forex non fa per voi. 
    5. Fissare un tetto al proprio rischio: è importante impegnare solo quello che ci si può permettere di perdere e gestire attentamente il proprio portafoglio. Bisogna poi comprendere il concetto di money and risk management, ossia quanto rischiare in ogni trade e come allestire un piano d’azione strategico.
    6. Concentrarsi su mercati attivi: per un trader alle prime armi è di gran lunga preferibile concentrarsi su mercati dove circolano maggiori capitali. Questo perché possono essere una palestra molto più efficace di mercati invece dove i movimenti sono flebili.
    7. Evitare di operare su troppi mercati: ogni mercato ha caratteristiche, dinamiche e tempi propri. Quindi soprattutto all’inizio è importante concentrarsi su un solo mercato. Infatti quella di operare su più mercati è un’operazione che solo pochi trader e molto molto esperti riescono a fare.
    8. Scegliere una piattaforma e mantenerla: i broker mettono a disposizione le piattaforme, ovvero lo strumento che permette al trader di potersi tuffare nel mercato e operare. Ogni piattaforma ha i suoi pregi e difetti, che possono essere tali per un trader ma non per un altro. Provare le demo delle varie piattaforme è molto utile per  poi scegliere quella con cui tradare.
    9. Tenere conto della fortuna: nonostante il trading online non sia una scommessa con la fortuna, a volte questa può influenzare la performance. Ma il bravo trader deve isolare questa componente durante l’analisi dei suoi risultati e valutare fino a che punto un certo risultato è stato influenzato dalla buona o dalla cattiva sorte.
    10. La community può dare sostegno: i trader alle prime armi hanno la possibilità di soddisfare molte delle loro curiosità attraverso le community online, che sono molto attive e praticamente sempre connesse. Sfruttare l’esperienza altrui può consentire a un trader alle prime armi di evitare certi sbagli che spesso i principianti commettono.

Quindi operare nel Forex può essere un’attività molto appagante e profittevole, ma è necessario avere sempre l’approccio giusto, soprattutto quando si è dei neofiti di questo tipo di investimenti.