La Rivista Del Manifesto
Nero Su Bianco

Covid, far pagare le cure ai no vax che si ammalano?

Nonostante un tasso di immunizzazione tra i più alti d’Europa, come ricordano i bollettini funebri quotidiani dei grandi media i decessi per Covid continuano a aumentare. Sotto pressione di Confindustria e di fronte a un’opinione pubblica sempre più sconcertata, il ceto politico italiano reagisce come tipicamente sa fare: sbracciando come un passeggero di una nave caduto in acqua senza sapere nuotare.

I no vax dovranno pagare il ricovero?

La ricerca del capro espiatorio per sottacere ai disastri economici, sociali e sanitari di una gestione dissennata della pandemia diventa così ogni giorno più pervicace. L’ultima sgangherata uscita pubblica della politica per dimostrare che tiene alla salute dei cittadini è quella dell’assessore laziale D’Amato, che ha affermato che nella sua Regione “se finiscono in terapia intensiva, i no vax si dovranno pagare il ricovero“. La stima della retta giornaliera pretesa da questo novello moralizzatore dei costumi è stimata in 1500 euro, 500 meno per fortuna di quelli che Ilaria Capua aveva calcolato essere il costo di un ricovero per i non vaccinati in un’intervista benignamente concessa il 21 luglio 2021 al Corriere della sera. Il giorno prima, con sintonia di intenti probabilmente telepatica, gli economisti Boeri e Perotti su Repubblica si erano esposti nell’azzardata ipotesi secondo cui chi si sottrae all’obbligo vaccinale deve pagare, mentre il virologo Abrignani aveva paragonato i cosiddetti no vax agli evasori fiscali che ‘beneficiano di qualcosa che non pagano’.

Danni all’economia

Il richiamo a intensificare gli sforzi per contrastare l’evasione fiscale attraverso una dichiarazione di guerra ai delinquenti, come quella evocata contro i no vax, sarebbe naturalmente auspicabile. I danni prodotti all’economia nazionale da chi non paga le tasse sono immensi e una battaglia senza quartiere per stanarli e far pagare loro il dovuto alla collettività dovrebbe costituire la priorità per le forze politiche che governano il paese. Invece paventare la richiesta di pagamento delle cure da parte di chi non si è ancora vaccinato è un’operazione che lascia sinceramente molto perplessi e c’è da chiedersi se veramente qualcuno dei politici e commentatori che contribuiscono a creare il dibattito pubblico nazionale abbia mai letto la Costituzione e conosca il significato del servizio sanitario universale.