Compagnie low cost: al top in Italia

0

Continua il progressivo abbandono delle rotte domestiche e internazionali meno remunerative per le best company, segmenti subito occupati da vettori low cost, che così aumentano nei numeri (voli, numero passeggeri, fatturato), e sono ormai vicini al fatidico 50 per cento del mercato (45,81 lo share del 2014 di numero passeggeri secondo il rapporto Enac).

La classifica (per traffico) vede Ryanair ed easyJet davanti a tutti con quasi 40 milioni di passeggeri trasportati in due (oltre 26 il primo, oltre 13 il secondo): le due low cost company si prendono il 60% del mercato italiano.

Dietro loro è bagarre tra emergenti rampanti e compagnie rafforzate da nuove partnership con le compagnie di bandiera: cresce Vueling, ora al terzo posto, che ha incrementato del 78,6 per cento (3,9 i milioni di passeggeri trasportati) il suo traffico, davanti a Wizz Air, ora quarta.

Quinto e sesto posto per Airberlin (unica low cost in calo) e Germanwings (+55 per cento), davanti a Volotea e Transavia, entrambi con incrementi intorno al 30 per cento.

Per l’anno in corso, vista l’attuale programmazione estiva delle compagnie low cost, si prevede una replica e che le low cost supereranno il 50% del mercato italiano.

Articoli correlati Altri di autore

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.