Come guadagnare giocando a poker?

0

Si sente spesso parlare di poker room truccate, manipolazioni, favoritismi ad altri player, sfortuna, ecc ecc Ma pochissime volte si sente dire, ho perso tutto perchè non so giocare.

Vincere a poker!!!

Se sei una di quelle persone che vuole vincere a poker subito e tanto, ti consiglio di smettere ora di leggere questo articolo.

Infatti nel poker serve disciplina, impegno e soprattutto, tanta pazienza.

Non conosco nessun pro player essere diventato ricco senza impegno, studio, disciplina e lungo periodo.

Ci sono tre regole fondamentali per essere dei giocatori vincenti, che sono:

Gestione del capitale, mindset e posizione.

Ora vediamo ogni singolo punto nel suo specifico.

Come avrete notato, non ho menzionato affatto le regole del gioco, aggressività al tavolo, strategie, bluff, e via dicendo. Ho messo al primo posto, la gestione del bankroll, dove bankroll sta a significare, il nostro capitale. Anche un giocatore fortissimo, anzi, anche il giocatore più forte del mondo, se non gestisce il bankroll andrà inevitabilmente broke.
Questo perchè, il poker, è uno sport con un alto tasso di varianza e nel breve periodo può essere devastante se non è ben controllato, appunto, dalla gestione del nostro capitale.

Una buona regola sulla gestione del roll, è la regola del 2%. Infatti dobbiamo giocare solo il 2% del nostro capitale. Ad esempio, ho 50€ di roll, posso giocare solo partite con buy in di 1€. Devo inoltre mettere delle soglie. Se scendo a 35€ devo giocare solo partite con buy in di 0.50cent. Se salgo a 150€ posso iniziare a giocare partite da 3€.
Per alcune discipline, come tornei turbo, è consigliabile addirittura giocare l1% del proprio capitale.

Capirete subito che solo con una buona gestione del bankroll, si ha qualche possibilità per guadagnare con il poker.

Un altro aspetto davvero importante è il mindset, vediamo di cosa si tratta. Ho già menzionato breve periodo e lungo periodo, infatti il più grande errore che fanno i giocatori non esperti, è proprio quello di pensare solo al breve periodo.

Questo è sbagliatissimo, dobbiamo immaginare tutta la nostra carriera come ununica partita. Le singole partite, i singoli eventi, sono solo un piccolo passo verso il nostro traguardo.
Per fare un esempio, immaginiamo di vedere un grafico di un giocatore vincente.

Notiamo che nel 2000 il giocatore è partito con 50€ di bankroll, nel 2013 ha 2000€ di bankroll. Ovviamente, il suo grafico, non sarà una retta verso lalto senza nessuna oscillazione verso il basso, questo è impossibile.

Prendiamo quella oscillazione verso il basso e fingiamo di focalizzare solo quella, quindi fingiamo di fare uno zoom. Posso garantirvi che quella oscillazione che nel grafico generalre sembrerà insignificante e piccola, può durare addirittura mesi di partite, quindi si parla di centinaia e centinaia di partite. Nel grafico generale non lo notiamo perchè si parla appunto di lungo periodo.
Se il giocatore vincente non avrebbe usato la gestione del roll nel 2013 avrebbe avuto 0€!!!

Gli eventi negativi non devono preoccuparci perchè il poker è matematica, statistica e percentuali. Se abbiamo AA, non siamo invincibili, la coppia di assi è vincente contro una qualsiasi mano solo all80%, in teoria su cento volte che la giochiamo contro una mano come 7e2 (definita la peggior mano del poker) perderemo venti volte ma, ottanta volte saremmo vincenti. Non è escluso che le venti volte si confermino consecutivamente, quindi una cosa molto snervante.

Sul mindset largomento è davvero ampio ed interessante, farò altri articoli dove mi concentrerò solo su questo aspetto.

Terzo punto, la posizione.

Ho visto gente vincere tornei senza vedere le proprie carte, solamente giocando sulla posizione ed il proprio stack (le fiches/chips). Se vogliamo entrare in una mano, a meno che la nostra mano non sia talmente forte da giocarla in qualsiasi posizione, dobbiamo essere sicuri di essere gli ultimi a parlare. Quindi le posizioni più indicate sono il Cut Off ed il bottone/dealer.
Infatti, questa è un ottima posizione strategica, dove vediamo tutto quello che fanno gli altri ed infine decidere la nostra mossa.

Questa è solo una piccolissima parte di tutto il discorso, ci sono ancora tanti aspetti da tenere in considerazione e forse alla fine di tutto, potremo iniziare a vedere come si gioca a poker!

Articoli correlati Altri di autore

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.