Calze elastiche come sceglierle ed indossarle

0

Il senso di gonfiore alle gambe è uno dei sintomi più fastidiosi che si possa provare. Per superare questo problema, al giorno d’oggi sono disponibili diversi strumenti. Comunque, per ottenere un sollievo pratico ed efficiente, molti si affidano alle calze elastiche. Bisogna però prestare attenzione a diversi particolari prima di acquistare un paio di calze elastiche.

Questi strumenti infatti, possono avere caratteristiche diverse ed alcuni modelli si differenziano da altri. Ecco la guida che spiega quali calze elastiche scegliere e come indossarle al meglio!

Calze elastiche: come sceglierle?

La scelta delle calze elastiche deve essere ben approfondita e soprattutto oculata. C’è bisogno di sapere qualsiasi informazione riguardo il paio di calze che si vuole acquistare. Generalmente, le calze elastiche vengono divise in due categorie: calze preventive e calze terapeutiche. Alla base di questa divisione c’è la cosiddetta forza di compressione che viene misurata tramite i millimetri di mercurio, vediamo questi vari tipi di calze elastiche contenitive.

Le calze elastiche preventive possiedono una forza di compressione pari a 12 millimetri di mercurio. Esistono diversi modelli di queste calze dove può variare la forza di compressione; tuttavia occorre ricordare che questo tipo di calze deve esercitare una forza di compressione di almeno 6 millimetri al mercurio sulla caviglia. Infine, queste calze sono consigliate per chi avverte un senso di gonfiore e pesantezza alle gambe o è costretto a lavorare in piedi.

Le calze elastiche terapeutiche sono un vero e proprio strumento terapeutico. La forza di compressione di queste calze può oscillare tra i 18 ed i 49 millimetri di mercurio. Queste calze non curano eventuali patologie che si possiedono, ma sono fondamentali per alleviare eventuali dolori e soprattutto evitare il peggioramento ed il deterioramento delle proprie gambe.

Si ricorda che prima di scegliere le calze elastiche è consigliato ricevere un parere medico. Queste calze infatti, potrebbero portare complicazioni per chi soffre di disturbi come il diabete o chi deve affrontare problematiche vascolari, in quanto non sempre sono compatibili con il sistema circolatorio di chi le indossa.

Calze elastiche: come indossarle?

Dopo aver scelto accuratamente quali calze elastiche prendere è necessario comprendere come indossare quest’ultime. Questo processo infatti, può rivelarsi più complicato del previsto e movimenti imprevisti o forzati potrebbero far rompere le calze elastiche.

In primo luogo, è bene fornirsi di strumenti appositi prima di indossare le calze elastiche. Sul mercato sono presenti diversi tipi di infila-calze, creati con il preciso scopo di far indossare le calze elastiche nel modo corretto, senza stress e complicazioni. È possibile acquistare questi strumenti in negozi ortopedici e specializzati.

Un altro strumento spesso utilizzato per facilitare l’uso delle calze elastiche sono i guanti di plastica. I guanti favoriscono una presa più forte e solida sulle calze permettendo di indossare quest’ultime in modo rapido e preciso. Si ricorda infine che dopo averle indossate, le calze non devono presentare pieghe, ma devono estendersi perfettamente.

Calze elastiche: i consigli utili per usarle al meglio

Le calze elastiche sono uno strumento da tenere con cura e nelle migliori condizioni. Per questo motivo, chi le possiede deve prestare la massima attenzione a diversi particolari per evitare il danneggiamento prematuro delle calze elastiche. Ecco quindi alcuni consigli utili da seguire:

• Molti si chiedono come lavare le calze. Per un corretto lavaggio, è consigliato lavarle a mano ad una temperatura vicina ai 40 gradi, evitando il logoramento del tessuto dovuto al lavaggio attraverso lavatrici ed altri elettrodomestici.

• Strizzare le calze elastiche dopo il lavaggio serve a poco e niente. Anzi quest’azione potrebbe addirittura danneggiare le fibre e provocare strappi nelle calze, dunque è assolutamente sconsigliato strizzare le calze per asciugarle.

• Lasciare asciugare le calze lontano da fonti di calore. L’esposizione prolungata a fonti di calore potrebbe danneggiare irreversibilmente le calze elastiche, rendendole inutilizzabili.

• Allontanare eventuali oggetti affilati dalle calze. È bene tenere quanto più lontano possibile questi oggetti che potrebbero tagliare le calze e rovinarle. Questo principio vale anche per unghie ed anelli che potrebbero sfilacciare le calze elastiche.

• Infine, è assolutamente necessario indossare due calze dello stesso modello. Indossare calze che esercitano una forza di compressione diversa potrebbe portare problemi al proprio sistema circolatorio e di conseguenza alla propria salute.

Articoli correlati Altri di autore

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.